SHOWROOM

Strada Carpice 22

Moncalieri (TO), 10024

info@tappetimarotta.com

(+39) 011 6467428

 

IT 11992610011

 

Orario: dal martedì al sabato 9:00-13:00 / 15:00-19:00
domenica 15:00-19:00
lunedì chiuso

1 NOVEMBRE CHIUSO

  • Facebook Tappeti Orientali Torino
  • Instagram Tappeti Orientali Torino
  • White YouTube Icon

GARANZIA

> Garanzia 100% Soddisfatto o Rimborsato

> 30 giorni diritto di recesso

> Certificato di autenticità

> Spedizione Gratuita in tutta Italia

> Acquisti Sicuri

PHILANTROPY

Scopri il nostro progetto contro il lavoro minorile e la salvaguardia dei diritti dei bambini

Tappeti Marotta Tappeti Orientali Tappet
ISCRIVITI ALLA NOSTRA MAILING LIST E RICEVI UN BUONO DA € 300!
rimani aggiornato su tutte le nostre novità ed occasioni!

©2019 by TAPPETI MAROTTA. 

SCULTURA DEA PARVATI INDIA, IMPERO MARATHA (XVII-XIX sec.)

SCULTURA DEA PARVATIINDIA, IMPERO MARATHA (XVII-XIX sec.)

Trattativa Privata

  • Provenienza

    Questo meraviglioso frammento di fregio scultoreo proviene da Mathura, città dello stato federato dell’Uttar Pradesh, nell’India settentrionale. Oltre ad essere un’importante meta di pellegrinaggio, il leggendario luogo di nascita di Krishna, questa località è anche nota per esser stata, sin dall’antichità, un importante centro produttore ed esportatore di sculture. Qui, infatti, si trovano grandi affioramenti di arenaria rossa, particolarmente apprezzata per la sua naturale colorazione rossastra, dovuta dalla presenza di ossido di ferro (ematite), e molto adatta alla lavorazione scultorea.

  • Caratteristiche

    La bellissima figura femminile realizzata è l’antica dea indù Parvati, che per tecnica di incisione e caratteristiche espressive è ascrivibile al periodo dell’Impero Maratha (1674-1818). Al suo apice, questo grande regno indiano si estendeva su un territorio di circa un milione di Km², coprendo gran parte del subcontinente e tenendo testa alle forze britanniche nel XVIII secolo. Poiché basava la sua espansione e la sua politica su una fede Induista forte e determinata, l’Impero Maratha ha promosso un’attività artistica scultorea molto proficua e di grande impatto culturale e spirituale. Questo antico reperto ne è una preziosa testimonianza.

    Probabilmente parte costituente di una decorazione più ampia e complessa, la dea Parvati era, forse, inserita in una struttura architettonica di pregio adibita a culto. Anche se, purtroppo, risulta incompleta per perdite di frattura che ne hanno irriverentemente mutilato la figura, il suo fascino ancestrale non ne è stato scalfito. Anzi, la patina che si è sedimentata nei secoli sulla pregiata arenaria rossa le conferisce autorità, regalità e potenza eterne. 

    Dea indù della fertilità, dell’amore, dell’abbondanza, è la manifestazione benevola  di Shakti, l’energia divina femminile primordiale dell’Universo. Parvati in sanscrito significa ‘figlia della montagna’, essendo infatti nata dall’unione di Himavat (personificazione dell’Himalaya) e di Mena (ninfa delle acque). Tradizionalmente è considerata la consorte di Siva e madre di Ganesh e Skanda.

  • La Dea Paravati di Marotta

    Qui è stata realizzata seguendo uno schema iconografico molto tipico e ricorrente per l’epoca. È in piedi, stante, con un viso sereno, dai lineamenti mediorientali dolci ma marcati: gli occhi grandi, l’arcata sopraccigliare accentuata, il naso armonioso e le labbra carnose. I capelli sono pettinati ed acconciati con cura e le ciocche decorano la nuca incorniciando il bel volto. Il corpo sinuoso è esaltato da gioielli importanti che dal collo ricadono sul petto: i seni nudi e turgidi dolcemente accarezzati dalla mano le conferiscono un portamento materno e sensuale, sottolineando il suo potere di dispensare nutrimento e abbondanza a tutti gli esseri viventi. Armille e braccialetti impreziosiscono i suoi arti superiori, mentre i fianchi affascinanti e morbidi accentuano la nudità intima con delicatezza. Al di sotto del grembo, dei raffinatissimi ricami ad inserti floreali mostrano sulle gambe un raffinatissimo broccato indossato, ancora una volta, per far risaltare la seducente beltà della donna divina e ricollegarla ai principi pro-creativi naturali.

    La dea Parvati è, per antonomasia, l’amante della vita: dona e dispensa potere e valore nel Mondo, infondendo magia creativa, prosperità ed amore a tutti coloro che se ne sentono ispirati.

  • Certificato e Garanzia

    Il tappeto verrà consegnato insieme al suo certificato di autenticità.

    Informazioni di Spedizione

    Possibilità di spedizione in tutta Italia, comprese isole.